Scuola professionale per sportivi d'élite
Casella postale 377
CH-6598 Tenero (TI)

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

La scacchiera della pace

 

 

 

Scopo dello spot è mostrare che se il gioco viene condotto nelle regole, in questo caso gli scacchi, tutto procede secondo uno schema prefissato e condiviso dai giocatori. Nello spot succede però che un pezzo si scaglia in modo violento e sregolato contro un pezzo "diverso" sbattendolo a terra. A quel punto una ragazza aiuta il ragazzo "abbattuto" a risollevarsi animando così tutti i pezzi della scacchiera, che si colorano trasformandosi in esseri umani con una coscienza e prendono vita riunendosi in un simbolico cerchio e applaudendo alcuni sportivi che si esibiscono. Molteplici i livelli di lettura (violenza, aggressività, razzismo) e i simbolismi (bianco-nero, ma anche la contrapposizione, l'aiuto, la complessità degli scacchi e quindi della vita, ecc.).

Interpreti:
Aurélien Impose (pedina aggredita), Bruno Martignoni (aggressore) e Maria Scandella (soccorritrice); altri: Branko Bankovic; Nicolas Barone, Belão Caio Cesar, Edera Berisha, Guido Biondo, Siro Bortolin, Luca Calabrese, Cora Canetta, Tessa David, Davide De Bernardi, Diego Wehrli, Trevor Frigerio, Eljon Harlicaj, Daniel Maffi, Simone Marinelli, Michele Martone, Stefano Minotti, Nicole Ollio, Gianluca Pusterla, Ramona Radaelli, Nicole Schneider, Enrico Solcà e Matteo Tosetti.

Regia:
Roberto Martinelli.

Produzione:
Daniel Maffi, Mirko Facchinetti, Roberto Martinelli, Enrico Solcà e Matteo Tosetti.

Supervisione:
Marzio Conti (direzione), Mauro Citraro e Alexandre Mondoux.

Musica:
Nuno Santos, Sara Grandi e Giuliano Stutz.

Speaker:
Diego Sinigaglia.

Altro:
Elis Chiara Albertini, Lorenzo Fontana, Ana Maria Grassi e Giulia Pianezzi.

Montaggio dei filmati:
IUFFP (Ivano Giussani e Dave Flury).